Facebook: cinque modi in cui ha cambiato le relazioni in peggio

Facebook può rovinare la vostra vita in vari modi. Può farvi licenziare, litigare con persone che manco conoscete, darvi dipendenza psicologica e distruggere le vostre relazioni. Non dobbiamo vederlo come una cosa orribile però ad essere sinceri non possiamo neanche ignorare la sua pericolosità.

Link sponsorizzati

Ovviamente questo strumento, come già detto in passato può essere ottimo se ben usato per creare amicizie ed incontri, ma molto probabilmente quelli che lo usano bene sono sicuramente di meno rispetto a quelli che lo usano nel modo sbagliato. Ripoterò in breve i cinque grandi cambiamenti che questo social ha creato nei rapporti sentimentali.

Troppi pensieri e ripensamenti

Mettiamo il caso che siate perdutamente innamorati/e e che continuiate a scrivere nella vostra bacheca tutto quello che vi passa per la mente riguardo questo nuovo ed entusiasmante amore. Il vostro partner invece notate che non ha scritto nulla su di voi, ha solo messo qualche commento ai profili di amici o amiche ma nulla sul vostro amore.

Questa situazione non solo vi porterà a litigare ma creera in voi dubbi atroci senza un senso. Se già siete persone sospettose usare facebook non potrà far altro che arrecarvi danno, ogni minima cosa può sembrare quello che non è, ed il sistema di continuo monitoraggio delle attività lede totalmente i rapporti.

Facebook

Sempre più spesso mi capita di parlare con coppie che litigano proprio per queste sciocchezze, e vi posso assicurare che a raccontarle sembrano banali, ma vivendole non vi rendete conto di quanto questo social possa complicarvi la vita facendovi vedere cose inesistenti e creando dubbi insidiosi.

Si vedono tutte le azioni degli amici e degli ex

Poniamo il caso, che vi siate appena lasciati e per qualche ragione abbiate deciso(giustamente) di rimanere amici. Lui o lei iniziano col condividere sulla bacheca pensieri relativi ad un nuovo appuntamento o ad una semplice uscita con amici, voi cosa pensate potrebbe accadere ai vostri sentimenti?

Ve lo dico io,  sia in un caso che nell’altro vi sentirete traditi, se anche vi siete lasciati si rimane sempre attaccati ai propri ex sopratutto agli inizi, quindi leggere che lui dopo che vi siete lasciati ha già inziato a divertirsi, non solo vi susciterà risentimento, ma probabilmente vi farà litigare.

Sarebbe sicuramente bello se tutti gli utenti di facebook imparassero  a rispettare le persone che hanno tra i contatti, ma a volte queste cose si fanno senza pensarci, la conseguenza di un messaggio male interpretato può essere veramente pesante da gestire, e tutto questo solo per un social network?

Tuttala vostra vita è troppo pubblica

Quanti di voi hanno litigato con la fidanzata perchè non hanno impostato impegnato nel profilo? Scommetto tanti! la cosa triste di questo facebook è che anche piccole azioni fatte inconsapevolmente possono avere un impatto enorme su chi le legge. Poniamo il caso che siate fidanzati e da un giorno all’altro la vostra storia finisca, voi da bravi utenti medi di facebook, aggiornerete il vostro stato da impegnato a single, così avrete oltre al continuo pensiero della fine del vostro rapporto, una miriade di domande sul perchè e sul come  è cambiata la vostra vita.

Quindi oltre al danno la beffa di rendere pubblica la vostra vita sentimentale, più il dover rendere conto alle domande che spesso sono insensate. Per non parlare delle ex gelose! scommetto che a molti di voi sarà capitato che una ex dopo che avete cambiato il vostro stato da impegnato a single, si sia fatta sentire tutta indispettita, facendovi presente che non avete perso tempo a rimettevi in gioco.

E’ un registro pubblico della vostra vita sentimentale e non

Col tempo, scriverete sempre più cose su di voi e se come detto prima avete appena chiuso una relazione, sicuramente rimarranno tracce di essa nella vostra bacheca. Tutto questo oltre che controproducente, può complicare parecchio la vostra futura vita sentimentale.

So che può sembrare assurdo, ma se conoscete un’altra persona e la aggiungete su facebook, lei o lui che  sia, la prima cosa che farà sarà curiosare tra le vostre cose, come pensate che potrebbe sentirsi una persona che legge che magari avete amato o amate una persona che vi ha lasciate? Pensate davvero che le parole scritte in quella bacheca siano totalmente lucide?

Quando si  è in un particolare stato d’animo  si è portati a scrivere cose che molto spesso non corrispondono neanche a quello che siamo, e voi volete permettere che i vostri pensieri siano sempre  li a ricordarvi le cose passate o a mostrarle a tutti? L’unico modo per evitare tutto questo è quello di cancellare tutti gli eventi passati dalla bacheca ma chi realmente lo fa? Nessuno, quindi che senso ha rischiare?

I commenti e la gelosia

State usando il vostro preziosissimo facebook, quando notate che qualcuno ha messo dei commenti nella bacheca del vostro fidanzato  o fidanzata, molto spesso i commenti possono essere innocenti o comunque nulla più di un mi piace o non mi piace, però a volte sopratutto se parliamo di foto, esistono persone che non riescono a regolare il cervello prima di scrivere.

Questo è il classico futile motivo che può portarvi a litigare per una cosa totalmente inesistente! la gelosia è normale la provano tutti, facebook non fa altro che acuire questi sentimenti e creare situazioni scomode (involontariamente) che possono portare a litigi e a rotture dei rapporti. Inutile mentire, facebook non è semplice come vogliono farci credere.

Se ben usato può sicuramente essere un ottimo strumento per socializzare, incontrare e consolidare amicizie, ma nella maggior parte dei casi può rovinare tutto quello che avete. So che forse vi sembrerà una visione molto negativa del fenomeno facebook, ma molto meglio essere chiari che fingere che sia tutto tranquillo.

Facebook ha completamente rovinato famiglie e coppie, amicizie e lavori. Se proprio volete usarlo ricordate almeno che non è affatto buono come sembra.

Link sponsorizzati

{ 1 comment… read it below or add one }

Ettore Rossi febbraio 9, 2012 alle 11:42

BELL’ARTICOLO E MOLTO RELAISTICO, QUOTO

Rispondi

Leave a Comment