Vai al contenuto
Home » Consigli » Perché ormai sono tutti narcisisti

Perché ormai sono tutti narcisisti

Ultimo Aggiornamento 20 Febbraio 2022

Il fatto che ormai si parli di narcisismo con un’estrema facilità rispetto a qualche anno fa, dovrebbe farci capire che qualcosa dentro questa narrativa non sta funzionando come dovrebbe.

In realtà questo articolo non lo volevo nemmeno fare, perché spiegare certi concetti diventa anche complesso soprattutto su un blog molto leggero e questo, tuttavia visto che ormai ogni singola persona che parla di seduzione, coppie, e dinamiche sociali, si permette di parlare di narcisisti e narcisismo, mi permetto di dire la mia, visto che abbiamo dedicato anche due articoli a questo argomento in passato.

Link sponsorizzati

I narcisisti esistono, e sono persone che hanno un problema che può essere diagnosticato solo ed esclusivamente da professionisti del settore.

Questo significa molto semplicemente che noi non possiamo da soli giungere alla conclusione che siamo entrati in contatto con un soggetto di questi, solo perché la nostra relazione non ha funzionato come ci si aspettava.

Il problema quindi, è prendere coscienza che esistono, capire probabilmente cosa fare se abbiamo il sospetto di essere incappati in una persona problematica di questo tipo, e basta.

Ma al di fuori di queste poche cose, nessuno di noi dovrebbe pensare di riuscire a capire da un singolo comportamento o da una relazione che purtroppo non è andata bene, se la persona con cui ci stiamo relazionando ha questo disturbo.

Una riflessione che riguarda tutti

Perché spiego questa cosa?, La motivazione è molto semplice, quando si entra  in dinamiche che tendono a giustificare determinate situazioni, si continua a dare la colpa agli altri, di cose che probabilmente hanno colpe al 50%.

Se una persona non si rende conto di come affronta le relazioni, a un certo punto, quando finiranno le storie, perché le storie non sono infinite purtroppo, inizierà a dare la colpa a se stessa, solo che invece di farlo in maniera costruttiva, dove si tenta di realizzare un percorso di crescita sentimentale personale, ed emotiva, sarà una colpa che non porterà a nulla se non ad un sentimento di profonda frustrazione.

Link sponsorizzati

Quando spiego che le storie un certo punto finiscono, le persone mi guardano con gli occhi sbarrati, sembra quasi che io stia dicendo delle cose che non possono succedere!

In realtà succede perché  la frequenza con cui troviamo una storia a vent’anni non è la stessa  che a 40, e non è la stessa neanche a 50 o 60. Quindi le storie a un certo punto finiscono, non ce ne sono più…

E chiunque vi dica “che il mare pieno di pesci, e che non c’è bisogno di avere fretta” vi sta dicendo solo  parte della verità!

Perché se è vero che non serve avere fretta e sono perfettamente d’accordo, dall’altra parte è giusto anche capire, che il continuo cercare della perfezione, porterà alla fine di tutte le storie, perché ripeto, a un certo punto della vita non si hanno più relazioni ed è così.

Ovvio che esistono dei casi eccezionali, gente che si innamora anche a novant’anni, ma noi non ci possiamo basare sui fenomeni eccezionali.

Le persone non sono tutte alte 2 metri, se noi fondassimo il nostro approccio alla vita, solo sulle persone alte 2 metri faremmo una cosa che non riguarda ben più del 90% della popolazione.

Il problema quindi nasce, quando la tendenza delle persone è quella di cercare in una presunta patologia, la giustificazione di tutte le storie che sono andate male.

Il narcisismo crea pubblico

Purtroppo questo fenomeno è stato intercettato da persone che ci fanno business e che assecondando questo pensiero tenendo ancorate le persone ai loro corsi o peggio ancora ai loro libri.

Questo poi nel 99% dei casi non arriva da persone che hanno veramente la competenza per parlare dell’argomento, ma arrivano da persone che non ne capiscono nulla, e quindi trattano l’argomento in maniera superficiale, spesso commettendo dei grossolani errori, che poi vanno a riflettersi maniera negativa sulle vite di quelle persone che seguono le loro “dritte”.

I narcisisti sono un argomento serissimo, che solo persone con reali competenze possono spiegare affrontare e considerare. Tutti gli altri me compreso, possono solamente rendersi conto che esiste il fenomeno, e basta.

La fragilità emotiva di persone che hanno chiuso delle relazioni a cui tenevano, le porta ad aggrapparsi a tutto.

Nel giro di poco questi soggetti sviluppano la convinzione di riconoscere i narcisisti da un singolo atteggiamento,  creando un vero e proprio ” vuoto” attorno a loro.

Non spetta a me spiegarvi la percentuale di questa patologia perché questo non è assolutamente un sito che tratta queste cose, però Internet l’avete tutti e potete tranquillamente verificare da voi quanti sono i narcisisti nel mondo.

I gruppi

In aggiunta a questo fenomeno, esistono questi gruppi, specialmente su Facebook, dove persone che non hanno alcuna competenza illudono che ogni singola dinamica relazionale non perfetta, sia da ricondurre ad una patologia.

Questo non solo è sbagliato, ma è proprio contro ogni etica morale, perché ripeto di questi argomenti ne può parlare solo esclusivamente pochissima gente e queste poche persone hanno compiuto un percorso di studi molto elaborato e lungo.

Se  continuo a fare scelte sbagliate e tutte le mie relazioni finiscono male, è difficile che io abbia incontrato solo narcisisti, è molto più facile che io abbia uno schema emotivo che mi porta a cercare relazioni complicate.

Al tempo stesso se  continuo a credere che la colpa di tutti i miei problemi non sia assolutamente riconducibile a qualcosa che faccio o scelgo in maniera incauta, non mi porrò mai nemmeno il dubbio di essere un po’ affrettato nelle scelte.

Alla lunga queste situazioni portano più problemi di quelli che sembrano risolvere, stiamo assistendo ad un graduale ma progressivo allontanamento delle persone e dei rapporti umani, perché, quando non puoi più valutare le persone per il carattere, inizi a valutarle solo per l’estetica.

Questo non è assolutamente sbagliato, però è una visione parziale delle cose, che porta per conseguenza diretta e logica, alla creazione di relazioni che si basano su parametri che non sono oggettivi, ma che sono tremendamente soggettivi, e che purtroppo spesso finiscono molto presto, perché si basano solo sull’attrazione di tipo fisico.

Quindi oggi sono tutti narci*

Oggi sono tutti i narcisisti, perché si sta puntando a creare un modello di relazione ideale che non esisterà mai. Quindi abbiamo la percezione che davvero tutti lo siano.

Nessuno  sarà mai perfetto, e non è detto che alcuni segnali che interpretiamo come appartenenti ad una certa categoria lo siano davvero

La cosa mediamente divertente, è che spesso chi propone le infallibili tecniche per scovare il narcisista, parallelamente, insegna le tattiche del silenzio punitivo per sedurre o come fare ingelosire in quindici mosse. Insomma insegnano a manipolare.

Per questo è molto importante acquisire una maturità sentimentale e una certa linearità dei sentimenti, che possa portare le persone ad avere una visione chiara dei propri errori. 

Solo così, responsabilizzandosi si riesce a trovare una dimensione dove le relazioni, diventano una cosa piacevole, altrimenti è tutto un gioco fatto di tecniche e tattiche che alla lunga stancano.

La soluzione esiste

L’unico suggerimento che posso dare alle persone che leggeranno questo articolo, e di imparare a responsabilizzarsi, cercare figure professionali se si hanno problemi seri, e delegare qualsiasi tipo di diagnosi solo ai professionisti del settore.

Tutto il resto  e nello specifico, come vivete la relazione e tutto quello che riguarda la vostra sfera emotivo-affettiva sono cose vostre. che potete gestire come volete,  o affidarvi a chi preferite se da soli non avete chiara la cosa.

Ma è veramente importante che si impari la grossa differenza che esiste tra quello che non va come vorremmo, e quello che vorremmo assolutamente. anche a costo  di passare sopra agli altri.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments